fbpx

EGITTO – IL MISTERO DEI FARAONI

AUTORE:
EDITORE:
COLLANA: BAMBINI
COPERTINA: FLESSIBILE
N. PAGINE: 64
ETA' CONSIGLIATA: 9 anni

CODICE LIBRO: 9788899799731

“EGITTO”: un tour appassionante per i piccoli alla scoperta dei MISTERI faraoni

Gli Egizi, con tutta la loro storia carica di aneddoti affascinanti, sanno essere davvero una calamita per l’attenzione dei bambini. Per questo non c’è dubbio che la storia egizia possa appassionare alla lettura i più piccoli.

All’interno del libro saranno trattati molti argomenti, come:

  • una Tomba Nascosta,
  • un’incredibile Scoperta,
  • il faraone bambino,
  • la mummificazione,
  • il Tempio,
  • il ruolo degli Scriba,
  • Verso la Valle del Re,
  • Dei e Divinità,
  • Le  famosissime Piramidi,
  • Trappole Nascoste,
  • il Faraone Erotico,
  • la donna  che fu faraone,
  • e tanti altri…

Infine ci sarà una sezione di Domande, Risposte e Curiosità.

 

6,00

Categorie: ,

Descrizione

«Salute a te, o Nilo, che sei uscito dalla Terra e che sei venuto a far vivere l’Egitto. […] Prospero è il tuo venire, prospero è il tuo venire, o Nilo. Tu vieni per far vivere gli uomini e il bestiame. Prospero è il tuo venire, prospero è il tuo venire, o Nilo!»

L’educazione dei bambini

Il buon funzionamento di uno Stato dipende dall’educazione dei suoi cittadini. Per gli egizi l’educazione dei figli era di primaria importanza, per cui, già dalla più tenera età, li istruivano in un clima di uguaglianza: colui che era nato da un contadino poteva, in teoria, formarsi accanto al figlio del faraone.

L’educazione dei bambini fu una preoccupazione costante degli egizi. La scuola fu istituita solo al tempo del Medio Regno, quando fu necessario riorganizzare tutta l’amministrazione. I bambini vi andavano dalle prime ore del mattino a mezzogiorno e disponevano di un periodo di tempo per giocare. Il metodo utilizzato si basava sulla memorizzazione e la copiatura. Vi era un insegnamento elementare, con nozioni fondamentali di calcolo e di calligrafia. Questo era l’apprendistato della maggior parte dei funzionari e degli scribi, poiché dovevano essere in grado di redigere i testi religiosi in geroglifico e quelli amministrativi in ieratico. Nel tempio, gli scribi copiavano i papiri funerari per i privati o i testi da conservare nella biblioteca della casa della divinità. In questo caso l’insegnamento era di livello superiore, vi era una specializzazione nelle occupazioni e una grande varietà di testi. La formazione era molto complessa, con libri di matematica, geometria, medicina, geografia e fisica, oltre che di storia e di religione.